Visualizzazione post con etichetta cibo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cibo. Mostra tutti i post

venerdì 19 giugno 2015

Minestra di trippa

Minestra di trippa 
- Ingredienti per cinque persone:
500 gr trippa del tipo millefoglie

50 gr olio extravergine di oliva a freddo
50 gr sedano (circa mezzo sedano piccolo)
1 rametto di rosmarino
750 gr di cipolle
500 gr di patate
30 gr salsa di pomodoro (due cucchiaiate di concentrato)
50 gr di parmingiano grattugiato (circa cinque cucchiai ben colmi)
sale e pepe secondo il gusto.

- Preparazione:
prendete la trippa e tagliatela in listarelle sottili, poi lavatela almeno tre o quattro volte nell'acqua ben  tiepida.

Dopo l' ultima lavatura lasciatela per almeno una decina di minuti nell' acqua in cui avrete aggiunto un buon bicchiere di aceto.
Mentre la trippa si pulisce scaldate l'olio extravergine di oliva in una grande pentola che possa contenere almeno 4 litri d'acqua.
Aggiungete e fate soffriggere a fuoco ben vivace le cipolle, il sedano tagliati fini e il rametto di rosmarino legato molto stretto.
Quando il soffritto è ben dorato scolate la trippa e fatela rosolare per cinque minuti, salate e pepate.
Completate con 4 l di acqua fredda, la salsa di pomodoro e le patate intere.
Quando comincia il bollore abbassate la fiamma e lasciate cuocere lentamente (per almeno tre ore).
Se le patate non si sono sciolte completamente da sole schiacciatele e amalgamatele al resto.
Al momento di servire aggiungete una buona cucchiaiata di parmigiano grattugiato non troppo stagionato.


















giovedì 4 giugno 2015

BRODO di GALLINELLA (di mare)

- DOSI PER BRODO DI GALLINELLA (di pesce):



- 400 gr (circa) gallinella di mare (filetti) ben lavata e pulita.
- 3 pomodorini ciliegini a testa.
- Prezzemolo finemente tritato.
- Poca cipolla a testa.
- Pastina per brodo.
- 40 gr dado (specifico per pesce).

- Olio extravergine d' oliva a freddo.


- PREPARAZIONE:
Preparare un soffritto con pomodorini a pezzettini piccoli, prezzemolo tritato finemente, cipolla (poca) ed olio extravergine d' oliva a freddo (2 cucchiai).
Aggiungere le Gallinelle (pulirle bene) e farle dorare da ambo i lati (attenzione nel girarle perché è un pesce delicato).
Aggiungere 1 litro d' acqua con 40 gr di dado (specifico per pesce).

Coprire con un coperchio e fare cuocere a fiamma bassa per 30 minuti.
A parte, in un altro tegame, lessare la pastina in acqua salata o in brodo vegetale.
Quando il brodo di pesce è cotto, bisogna scolare la pastina in un altro tegame e aggiungere il brodo filtrato (con un colino) del pesce.

A chi piace può metterci pure un po’ di formaggio grattugiato e la minestra, pregiata, profumata e gustosa è pronta.
Io non faccio lessare la pasta direttamente nel brodo di pesce perché assorbirebbe tutto il brodo e quindi preferisco farlo lessare a parte.
Le gallinelle si potranno gustare a parte semplicemente con un po’ di maionese, prezzemolo tritato e olio.










domenica 24 maggio 2015

PASTA e CECI (alla napoletana)

PASTA e CECI (alla napoletana)

Pasta e ceci alla napoletana, un primo piatto tipico della nostra tradizione secondo il mio punto di vista sottovalutato.
Eppure i ceci sono una buona fonte di acidi grassi essenziali, contengono un buona percentuale di carboidrati, sono nutrienti e digeribili.
Un etto di ceci cotti apporta solo 120 calorie, ma fornisce molte vitamine, proteine e minerali, soprattutto ferro e calcio (117 mg per 100 g.).
Quindi fanno bene, sono veloci da preparare,  economici, non fanno sporcare troppe pentole durante la cottura(sembra poco eh?!) e, soprattutto, sono buonissimi.
Altri piatti con le stesse caratteristiche di praticità e bontà sono : pasta e piselli, pasta e fagioli, pasta e lenticchiepasta e zucca e pasta e patate.
Il procedimento è davvero semplicissimo:
potete usare i ceci secchi (circa 70 gr a porzione da tenere 12 ore in ammollo) o quelli, più pratici e veloci ma (secondo me) meno gustosi, in scatola.:)



- Cottura: 40 minuti.
- Esecuzione: facile.
- Ingredienti (per 2 persone):
160 gr. di pasta mista (o tubetti o maltagliati); 1 scatola di ceci (o 140 di ceci secchi, precedentemente tenuti in ammollo 12 ore in acqua fredda); 2 rametti di rosmarino; 1 spicchio d’aglio; olio extra vergine di oliva a freddo; sale e pepe.
- Procedimento:
in una pentola mettete 3 cucchiai di olio, lo spicchio d’aglio e far soffriggere per un minuto.
Quando l’aglio sarà dorato versare i ceci precedentemente sciacquati e sgocciolati aggiungere anche i rametti di rosmarino e far insaporire a fuoco medio per un paio di minuti.
Aggiungere 3  bicchieri d’acqua, salare e far cuocere per una mezz’ora a fuoco basso mettendo il coperchio e senza girare (aggiungere altra acqua, se necessaio).
A questo punto, se si vuole creare una crema, schiacciare con lo schiacciapatate 2-3 cucchiai dei ceci in cottura.
In questo modo si accelera la cottura e la pasta avrà un sapore più intenso.
Versare la pasta nella pentola ed aggiungere acqua calda fino a coprire la pasta.
Mettere il coperchio e lasciare cuocere secondo i tempi di cottura della pasta.
Girare spesso per evitare che si attacchi, se piace di più la pasta brodosa aggiungere altra acqua.
Impiattare, se piace aggiungere un po’ di pepe macinato all’istante e... buon appetito!

- Vino da abbinare:
questo piatto si abbina con vino rosso fermo, di medio corpo, in particolare con vini prodotti in Puglia: Nardò rosso d.o.c., Valpolicella classico d.o.c.




lunedì 18 maggio 2015

VELLUTATA di VALERIANA

Vellutata di valeriana
- (ingredienti per 4 persone):
  • 150 g. di valeriana
  • 30 g. di burro
  • 1 grossa patata di circa 200 g.
  • 1 dado o del granulare (per brodo di pollo o vegetale)
  • sale e pepe
  • panna montata non dolcificata o yogurt greco intero per completare (opzionale)
- preparazione:
fate rinvenire per qualche minuto la valeriana e la patata tagliata a piccoli pezzetti con il burro.
Versate nella pentola un litro di acqua, aggiungete il dado o il granulare e fate bollire per 25 minuti.
Riducete in crema con un frullatore ad immersione, oppure versando il tutto nel vaso di un robot da cucina.
Servite questa raffinata minestra completando ogni piatto con un ciuffetto di panna montata non dolcificata oppure di yogurt greco, e con crostini.










PASTA con VALERIANA ed OLIVE NERE

Pasta con la valeriana ed olive nere:
- ingredienti (per due persone)
  • valeriana
  • olive nere
  • pomodorini
  • stracchino (poco)
  • olio extravergine d’oliva a freddo
  • sale
  • 1 peperoncino (intero)
- preparazione:
prima di tutto, un consiglio: se fate un’ insalata che non abbia particolari condimenti, non conditela nell’ insalatiera ma lasciatela condire ai vostri ospiti nel loro piatto così risolvete due problemi: 1) non si potranno lamentare se c’è poco sale o troppo olio; 2) se ne avanza la potrete utilizzare il giorno dopo.
Versare un filo d’olio di oliva extravergine a freddo, il peperoncino intero e le olive nere, denocciolate e tagliate in orizzontale, in una padella facendo soffriggere leggermente.
Mettere l' acqua a bollire. Quando l’olio comincia a soffriggere aggiungete  i pomodorini a pezzettini e girate spesso evitando che si attacchi.
Quando il pomodoro inizia a sfarsi potete pure spegnere il sugo ed aspettare la bollitura dell’acqua.
Buttate la pasta e cinque minuti prima di scolarla mettete le foglie di valeriana nell’acqua della pasta.
Scolate, mettete la pasta cotta e la valeriana ammorbidita nella pentola del sugo e sopra lo stracchino (poco).
Mescolate tutto fino a che il sugo non diventa bello cremoso e servite.
Buon appetito bella gente.
per la preparazione di questo primo piatto è possibile l' utilizzo di qualsiasi formato di pasta, sia lunga (spaghetti o vermicelli) che corta (farfalle, pennettine, orecchiette o casarecce)







INSALATA con la PANCETTA

Una tra le cose che non mi piace proprio è buttare il cibo che resta nel frigorifero e che rischia di diventare muffo perchè non si trova il modo per prepararlo oppure perchè non si ha l’ispirazione giusta.
Questo capitava spessissimo con l’insalata, sia quella in cespo che quella in busta, che il più delle volte finiva nel secchio della spazzatura dopo aver stazionato per qualche giorno in frigorifero.
Così qualche tempo fa mi sono detto: "perchè non provare a riciclarla in maniera diversa, magari cuocendola, soprattutto quando si tratta dell’insalata buona dell’orto?"
Così è nata l’ "insalata cotta con la pancetta" che è davvero imbarazzante per quanto è semplice e che mi permette di non buttare via nulla e di riciclare in maniera perfetta un ingrediente, l’insalata, che tende ad annerirsi talmente velocemente che se non si è un esercito in casa finisce per essere buttata.
Io la preparo semplicemente versando in una pentola un cucchiaino di olio extravergine di oliva e della pancetta (80/100 gr) a cubetti e facendo cuocere per 3 minuti quindi, nella stessa pentola, verso l’insalata tagliata a pezzi grossolani, con le mani per intenderci, e completamente scolata; aggiungo il sale fino e qualche granello di pepe verde. Copro con il coperchio e lascio cuocere per 4 minuti.
A questo punto, tolgo il coperchio e faccio asciugare l’acqua in eccesso sfumando con del vino rosso (max mezzo bicchiere, non di più) per insaporire il tutto e spengo una volta che la salsina si è asciugata quasi del tutto. Lascio riposare giusto un paio di minuti e servo in tavola ben calda, aggiungendo un filo d' olio extravergine a crudo.
Tempo di preparazione8 minuti.
Consiglio: questa insalata cotta è ancora più buona se utilizzate solo lattuga iceberg perchè la dolcezza di questo tipo di verdura contrasta con il sapore forte e deciso del vino e della pancetta.
Postillina: eliminando la pancetta, questa insalata diventa un piatto perfetto per chi è vegetariano e i tempi di preparazione si riducono a 5 massimo 6 minuti! :D
La foto sopra mostra il risultato finale ottenuto con dell' insalata mista. Consiglio, però, di utilizzare solo lattughino o iceberg per un risultato migliore: buon appetito.